L’Università dell’Illinois ha condotto uno studio molto interessante che ha dimostrato come il modo in cui le persone esprimono le proprie emozioni può ridurre o aumentare i livelli d’ansia.
Lo studio ha evidenziato che le persone che tendono a evitare di esprimere le proprie emozioni soffrono in quantità maggiore di disturbi d’ansia rispetto a coloro che invece hanno rivalutato le situazioni e si sono concentrati maggiormente su aspetti positivi.
Un altro studio simile, ha messo in luce che la tendenza a sopprimere ciò che si prova porta a un aumento dei livelli di stress e a un maggiore rischio di malattie fisiche come l’ipertensione e malattie cardiovascolari. Spesso si crede di avere solo alcune vie per esprimere ciò che sentiamo come ad esempio sfogare le proprie emozioni verso coloro che riteniamo essere la causa delle nostre difficoltà o reprimerle. Tuttavia esistono modi più utili e funzionali per dar voce a ciò che si prova.
Lo studio condotto ha messo in evidenza tre strategie per esprimere in modo positivo le emozioni vissute:

1- Scrivere attraverso l’uso di un diario personale.
Secondo l’Università di Rochester, l’atto di scrivere i propri pensieri e le proprie emozioni diminuisce i livelli di stress e permette di gestire meglio i sintomi dell’ansia. Scegliere di tenere un diario, ti offre la possibilità di comprendere meglio il tuo mondo interiore. Annotare pensieri ed emozioni, ti permette di capire quali sono i fattori stressanti in gioco; ti offre inoltre la possibilità di elaborare un piano per risolvere la situazione o affrontarla in modo più positivo.
L’uso di un diario personale ti consente inoltre di monitorare i sintomi dell’ansia e imparare a gestirgli meglio. Il diario è uno strumento personale; non esiste un modo giusto o sbagliato di scrivere tuttavia lo studio ha suggerito alcuni spunti utili nella sua compilazione:

  • Scrivi ogni giorno;
  • Scrivi quello che per te è più importante annottare senza focalizzarti su dettagli come la correttezza dell’ortografia o ciò che potrebbero pensare gli altri;
  • Tieni sempre accanto a te carta e penna in modo da poter scrivere spesso, in qualunque momento.

Puoi tenere privato ciò che scrivi oppure condividerne alcune parti con qualcuno. Ciò che è importante è che sei tu a deciderlo; è il tuo spazio personale!!

2-Pratica la gratitudine
Uno studio condotto nel 2015, ha dimostrato che essere grati aiuta a ridurre lo stress e le malattie fisiche. Paul J. Mills, l’autore principale dello studio, riporta che “una maggiore gratitudine era associata a un umore più positivo, un sonno migliore, una minore stanchezza e livelli più bassi della presenza di biomarcatori infiammatori correlati alla salute cardiaca”. Ci sono diverse strategie per poter includere la gratitudine nella tua vita quotidiana, ad esempio:

  • Ogni giorno scrivi 3 motivi per cui sei grato in riferimento ad aspetti della tua vita, che ti permettono di concentrarti su aspetti più positivi della tua esistenza;
  • Trova un amico con cui condividere questa pratica di gratitudine (questo ti permette di mantenere alta la tua motivazione);
  • Stabilisci un momento preciso della tua giornata da dedicare a questa pratica ad esempio prima di pranzo o alla sera prima di andare a letto.
  • Prenditi il tempo per ringraziare una persona che per te è importante, che ti sostiene, che ti è vicina con la sua amicizia.

3- Parla con qualcuno.
Condividere con una persona per te importante come ti senti può aiutarti a vedere le cose da una prospettiva diversa. Parlare ti permette di identificare meglio le emozioni che provi, il momento che stai vivendo e conoscere meglio te stesso.

Se senti di non avere vicino a te qualcuno con cui sentirti sicuro e libero di poter condividere ciò che provi, considera l’idea di rivolgerti ad uno psicologo.

Inizia con queste semplici tre strategie a esprimere in modo più positivo le emozioni che vivi.

Fonte: The Psychologist today.

Sei interessato/a a questo articolo? Non esitare a contattarmi:

Privacy Policy